Rievocazione della battaglia dei Camolli - Porcia

rievocazione-battaglia-napoleonica

Rievocazione della battaglia dei Camolli - Porcia

La città si trasforma in un set cinematografico

In maggio già da alcuni anni la Proloco Proporcia, con la collaborazione dell’Associazione studi napoleonici di San Vito al Tagliamento, organizza la Rievocazione storica della Battaglia Napoleonica che il 16 aprile 1809 vide anche a Porcia le alterne vicende di una grande battaglia in cui si contrapponevano le armate francesi alle armate dell’Impero asburgico.

La rievocazione ha il suo momento clou all’interno di Villa Correr Dolfin. La Villa ospita un un campo militare con tende e fuochi di bivacco e vengono organizzate esposizioni di oggetti, armi e documenti dell’epoca.

rievocazione-battaglia-napoleonica

Per la Rievocazione della Battaglia Napoleonica dei Camolli in Friuli Venezia Giulia, il comune di Porcia si trasforma in un grande set del cinema.
In occasione della rievocazione della storica battaglia tra le truppe napoleoniche e quelle asburgiche centinaia di reenactors, provenienti da diverse regioni d’Italia e da paesi dell’Europa centro-orientale, occupano gli accampamenti ricostruiti all’interno del parco di Villa Correr Dolfin.

I reenactors non sono semplici figuranti, ma veri e propri studiosi che con l’ausilio di manuali militari dell’epoca e grazie a studi approfonditi della storia e del vissuto quotidiano, sono in grado di preparare il cibo e i pagliericci, di usare i fucili ad avancarica e confezionare le cartucce esattamente come si faceva un tempo e sono abbigliati con la fedele riproduzione delle divise dell’epoca.

L’accesso agli accampamenti è libero al pubblico che potrà approfittare di visite guidate.

Per rendere ancora più autentica l’atmosfera le sere che precedono la battaglia saranno allestiti spettacoli teatrali che evocheranno le emozioni delle truppe con i canti dei soldati, i racconti di guerra, la musica e i balli dell’epoca napoleonica.

reenactors-porcia
rievocazione-storica-porcia

loghi-turismo-alto-livenza