Duomo di Sacile

duomo-sacile

Duomo di San Nicolo' - Sacile

Imponente solennità

campanile-duoo-sacile

Per la dimensione e la solennità, il Duomo di San Nicolò è sicuramente uno dei più suggestivi edifici sacri dell'intera regione. Sorge sull'omonima piazza che è in realtà l'antica plazuta in cui convergono i tracciati medievali.
Sviluppatosi sui resti della vecchia chiesa di San Nicolò, voluta dal Duca del Friuli nell'VIII secolo, fu edificato, sulla precedente chiesetta duecentesca, tra il 1474 e il 1496 sotto la direzione di Beltrame e Vittorino da Como.
La facciata è di gusto rinascimentale, ben proporzionata e suddivisa in tre livelli dall'incrocio tra paraste verticali e fascioni orizzontali. Il campanile, che ricorda quello di San Marco, svetta maestoso sulla piazza, nonostante i frequenti terremoti l'abbiano inclinato.

Costruito in muratura con mattoni a vista nel 1568 su disegno di Domenico da Como, è alto cinquantadue metri e termina con una cuspide che sorregge un angelo in bronzo del 1956, caratteristico per il suo ruotare seguendo la direzione del vento. L'interno è a tre navate, separate da arcate gotiche poggiate su colonne.
La pianta è latina con abside poligonale e il soffitto a capriate con struttura a vista. Si accede al presbiterio attraverso un maestoso arco trionfale nel quale sono riprodotti i dodici Apostoli e, nella parte alta, l'Annunciazione, entrambe opere di Pino Casarini che, tra il 1943 ed il 1946, realizzò gli affreschi ed ideò il portale bronzeo con scene dell'antico e nuovo testamento portato a termine, alla sua scomparsa, da un artigiano locale.

vista-duomo-sacile

loghi-turismo-alto-livenza