Casello di Guardia Porcia

casello-di-guardia-porcia

Casello di Guardia - Porcia

Ora sede di mostre e convegni

In via De Pellegrini di fronte all'attuale sede municipale, si può scorgere un edificio del quale non si conosce con esattezza né la passata funzione nè l'epoca esatta a cui risale: era una residenza di campagna? Un luogo di ricreazione? Finora gli studi effettuati non hanno potuto dire nulla di preciso.

Sorge su un'area che nel passato veniva denominata "Essiccatoio", a ricordo della presenza di un essiccatoio per i bozzoli dei bachi da seta.

dettaglio-casello-di-guardia-porcia

Fino alla metà degli anni '90, questo edificio si trovava ad essere proprietà dei marchesi Gherardini; in origine però la casa doveva essere proprietà della famiglia dei conti di Porcia, come ancor oggi testimoniano le due mensole di pietra che sorreggono il trave centrale della saletta del camino, che recano scolpito lo stemma dei conti.
Dalla lettura delle carte catastali ottocentesche reperite presso l'Archivio di Stato di Venezia, nonché da quelle presso l'Archivio del Comune di Porcia, si può inoltre ipotizzare che la casa sorgesse a coronamento di un giardino situato a ridosso del Castello di Porcia. Questa casa posta su due piani ha un ampio loggiato al piano terra, un bel camino, alcune testimonianze pittoriche nonché le mensole già ricordate. Oggi si può ammirare la struttura come era in origine.

Attualmente questo splendido edificio è aperto al pubblico in occasione di mostre pittoriche, fotografiche, convegni etc.

loghi-turismo-alto-livenza